BETONIERA A BICCHIERE

Category : Schede

BETONIERA A BICCHIERE

La betoniera a bicchiere è una macchina destinata al confezionamento di malta, di dimensioni contenute, costituita da una vasca di capacità solitamente di 300-500 litri, montata su di un asse a due ruote per facilitarne il trasporto.

“Read More”


BATTIPIASTRELLE ELETTRICO

Category : Schede

BATTIPIASTRELLE ELETTRICO

Utensile elettrico per la posa in opera di piastrelle.

“Read More”


AVVITATORE ELETTRICO

Category : Schede

AVVITATORE ELETTRICO

L’avvitatore elettrico è un utensile elettrico di uso comune nel cantiere edile, commercializzato in tipi alimentati sia in bassa che in bassissima tensione.

“Read More”


ATTREZZI MANUALI

Category : Schede

ATTREZZI MANUALI

Gli attrezzi manuali (picconi, badili, martelli, tenaglie, cazzuole, frattazzi, chiavi, scalpelli, ecc.), presenti in tutte le fasi lavorative, sono sostanzialmente costituiti da una parte destinata all’impugnatura, in legno o in acciaio, ed un’altra, variamente conformata, alla specifica funzione svolta.

“Read More”


ARGANO A CAVALLETTO

Category : Schede

ARGANO A CAVALLETTO

L’argano è un apparecchio di sollevamento costituito da un motore elevatore e dalla relativa struttura di supporto. L’argano a cavalletto ha una struttura di supporto realizzata con due cavalletti: quello anteriore è attrezzato con due staffoni per agevolare l’operatore durante la ricezione del carico; mentre quello posteriore è solidale con i due cassoni per la zavorra.

“Read More”


Argano a bandiera

Category : Schede

Argano a bandiera

L’argano è un apparecchio di sollevamento costituito da un motore elevatore e dalla relativa struttura di supporto. L’argano a bandiera utilizza un supporto snodato, che consente la rotazione dell’elevatore attorno ad un asse verticale, favorendone l’utilizzo in ambienti ristretti, per sollevare carichi di modeste entità.

“Read More”


Andatoie e passerelle

Category : Schede

Andatoie e passerelle

Le andatoie e le passerelle sono delle opere provvisionali che vengono predisposte per consentire il collegamento di posti di lavoro collocati a quote differenti o separati da vuoti, come nel caso di scavi in trincea o ponteggi.

“Read More”


Privacy sul lavoro

Capitolo 1

Tutela della dignità del lavoratore

1. I provvedimenti del Garante per la protezione dei dati personali

Il diritto alla privacy della persona bilanciato con il diritto alla dignità è diventato una materia delicatissima, sulla quale il Garante per la protezione dei dati personali[1] si è più volte cimentato in questi anni di attività.

“Read More”


Corsi di formazione residenziali e FAD

Corsi di formazione residenziali e FAD

Il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. contiene le procedura da adottare per migliorare la sicurezza e la salute dei lavoratori durante tutto l’arco dell’attività lavorativa.

La conoscenza di quanto prescrive la Legge in merito alla sicurezza sui luoghi lavoro, è necessaria sia per i Datori di Lavoro quanto per i lavoratori. Il D.Lgs. 81/08 e s.m.i. obbliga entrambi a partecipare corsi di informazione, di formazione e di addestramento, la cui durata è stabilita per Legge.

“Read More”


Quali disposizioni del D.Lgs. 81/08 si applicano alle SNC con soci che prestano attività lavorativa?

Category : FAQ

DOMANDA: Quali disposizioni del D.Lgs. 81/08 si applicano alle SNC con soci che prestano attività lavorativa?

RISPOSTA: Nelle società in nome collettivo i soci sono considerati come datori di lavoro alla pari e, se prestano attività lavorativa per conto della società stessa, risultano essere, ai sensi dell’art. 2 comma 1 lettera a) del D. Lgs. n. 81/2008, anche equiparati a lavoratori subordinati per cui la società dovrà provvedere ad attuare nei loro confronti tutti gli adempimenti previsti dal D. Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. e dovrà quindi istituire il servizio di prevenzione e protezione o ricorrere allo svolgimento diretto del servizio medesimo, effettuare la valutazione dei rischi, redigere il DVR, ecc.


Quali disposizioni del D.Lgs. 81/08 si applicano alle imprese familiari?

Category : FAQ

DOMANDA: Quali disposizioni del D.Lgs. 81/08 si applicano alle imprese familiari?

RISPOSTA: A carico dei componenti dell’impresa familiare (art. 230-bis codice civile) si applicano gli obblighi indicati nell’art. 21 del D. Lgs. n. 81/2008 i quali però, si limitano all’obbligo dell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale adeguati ai rischi che gli stessi possono correre, all’utilizzo di attrezzature di lavoro conformi alle disposizioni di legge vigenti in materia di sicurezza sul lavoro ed in particolare di quelle contenute nel Titolo III del D. Lgs. n. 81/2008 e dell’utilizzo di una apposita tessera di riconoscimento qualora gli stessi effettuino la loro prestazione in un luogo di lavoro nel quale si svolgano attività in regime di appalto o subappalto.


Come si individua il DATORE DI LAVORO in una società?

Category : FAQ

DOMANDA: Come si individua il DATORE DI LAVORO in una società?

RISPOSTA: Per individuare la figura del datore di lavoro nelle società (S.p.A., S.r.l., S.n.c.) si deve tenere conto anche delle attribuzioni e delle deleghe conferite ai vari soggetti della compagine societaria. In tali tipi di organizzazione in genere i poteri decisionali e di spesa, necessari per attuare le norme di prevenzione, sono conferiti all’amministratore delegato della S.p.A. o della S.r.l., o ad uno dei soci della S.n.c. ma in tali casi per individuare con chiarezza la figura del datore di lavoro, proprio per evitare che tutti i soci possano trovarsi coinvolti in faccende giudiziarie relative alla materia della salute e della sicurezza sul lavoro, è opportuno ed è sufficiente che le attribuzioni che fanno capo al socio datore di lavoro risultino specificatamente da delibere societarie interne effettuate per iscritto da esibire all’organo di vigilanza o al giudice in caso di necessità.


Cosa si intende per LAVORATORE?

Category : FAQ

DOMANDA: Cosa si intende per LAVORATORE?

RISPOSTA: Per “lavoratore” si intende una persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione.

Vengono equiparate al lavoratore quindi categorie come il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività, l’associato in partecipazione, il beneficiario di tirocini formativi e di orientamento, l’allievo degli istituti di istruzione ed universitari, limitatamente ai periodi in cui l’allievo sia effettivamente applicato alle strumentazioni o ai laboratori, il volontario e il lavoratore dei lavori socialmente utili.

Vengono esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari.


Cos’è l’ORGANO DI VIGLIANZA?

Category : FAQ

DOMANDA: Cos’è l’ORGANO DI VIGILANZA?

RISPOSTA: E’ un servizio dell’Azienda Sanitaria Locale che controlla e vigila sull’applicazione di tutte le norme in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro; lavora in concomitanza con l’Ispettorato quando previsto. Si pone come garante esterno della corretta applicazione delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.


Cos’è il Documento di valutazione dei rischi?

Category : FAQ

DOMANDA: Cos’è il Documento di valutazione dei rischi?

RISPOSTA: Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), secondo l’art. 18 del D.Lgs. 81/2008, è quel documento che serve per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro e dimostrare agli organi di controllo l’avvenuta valutazione dei rischi per tutelare la salute dei lavoratori. La redazione del DVR deve seguire criteri precisi e deve possedere dei requisiti specifici; in particolare deve contenere una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l’attività lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa e tutti gli interventi per eliminare, ridurre o controllare i rischi e i pericoli presenti all’interno dei luoghi di lavoro. Nel DVR deve essere esplicita l’indicazione del nominativo del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.) o di quello territoriale e del Medico Competente (ove previsto). Queste figure devono partecipare alla valutazione dei rischi e alla stesura del DVR, in collaborazione con il Datore di Lavoro.


Come si elegge il RLS?

Category : FAQ

DOMANDA: Come si elegge il RLS?

RISPOSTA: Nelle aziende, o unità produttive, che occupano fino a 15 lavoratori il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è di norma eletto direttamente dai lavoratori al loro interno oppure è individuato per più aziende nell’ambito territoriale o del comparto produttivo; invece nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori è eletto o designato dai lavoratori nell’ambito delle rappresentanze sindacali in azienda o, in loro assenza, dai lavoratori dell’azienda al loro interno. Il numero dei rappresentanti è stabilito in sede di contrattazione collettiva, ma in ogni caso è indicato un numero minimo in base al totale dei dipendenti e precisamente: un rappresentante nelle aziende o unità produttive sino a 200 dipendenti; tre rappresentanti nelle aziende o unità produttive da 201 a 1000 dipendenti. sei rappresentanti in tutte le altre aziende o unità produttive.


Chi è il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS)?

Category : FAQ

DOMANDA: Chi è il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS)?

RISPOSTA: Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza si relaziona per conto dei lavoratori con il datore di lavoro, l’RSPP e il Medico Competente (se presente), riguardo alla tutela e alla sicurezza nei luoghi di lavoro. Per svolgere il suo ruolo, l’RLS deve frequentare un corso di formazione di 32 ore, il cui costo è a carico del datore di lavoro. Il ruolo di RLS è incompatibile con quelli di RSPP e ASPP.


Quali sono le ATTREZZATURE per le quali è necessaria una specifica ABILITAZIONE degli operatori?

Category : FAQ

DOMANDA: Quali sono le ATTREZZATURE per le quali è necessaria una specifica ABILITAZIONE degli operatori?

RISPOSTA: Le attrezzature di lavoro che richiedono una specifica abilitazione degli operatori sono le seguenti:

  • piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE);
  • gru a torre;
  • gru mobile;
  • gru per autocarro;
  • carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo;
  • trattori agricoli o forestali;
  • macchine movimento terra;
  • pompe per calcestruzzo.

Il Datore di lavoro può ricoprire il ruolo di RSPP?

Category : FAQ

DOMANDA: Il Datore di lavoro può ricoprire il ruolo di RSPP?

RISPOSTA: Il datore di lavoro, purché in possesso dei normali requisiti previsti, può assumere in proprio l’incarico di RSPP nei seguenti casi: Aziende artigiane e industriali: fino a 30 addetti (escluse le aziende a rischio di incidente rilevante); Aziende agricole e zootecniche: fino a 30 addetti; Aziende della pesca: fino a 20 addetti; Altre aziende: fino a 200 addetti.


Come si fa ad apporre la DATA CERTA?

Category : FAQ

DOMANDA: Come si fa ad apporre la DATA CERTA?

RISPOSTA: Il recente decreto correttivo n. 106 del 2009 ha inserito tra le modalità di apposizione di data certa al DVR, la firma congiunta del Datore di Lavoro, RSPP, RLS e Medico Competente, se presente. In alternativa è possibile richiedere l’apposizione di data certa presso gli uffici postali (al costo di un normale francobollo), oppure auto inviarsi il DVR con la Posta Elettronica Certificata.


Cos’è il PREPOSTO? E quali compiti ha?

Category : FAQ

DOMANDA: Cos’è il PREPOSTO? E quali compiti ha?

RISPOSTA: Il preposto è una persona dotata dell’esperienza e della competenza necessaria che, nei limiti dei poteri funzionali e gerarchici adeguati all’incarico conferitogli, sovrintende alle attività lavorative e garantisce l’attuazione delle direttive, controllando la loro corretta esecuzione ed esercitando un funzionale potere di iniziativa. Ha collocazione autonoma all’interno della struttura aziendale. Il preposto ha diversi compiti: deve assicurarsi che i lavoratori osservino gli obblighi di legge e le disposizioni aziendali e controllare che solo i lavoratori adeguatamente formati accedano ai luoghi a maggior rischio. Deve inoltre pretendere il rispetto delle misure in caso di emergenza e dare istruzioni, informando tempestivamente i lavoratori in caso di pericolo grave e immediato e valutare di non richiedere a questi di riprendere l’attività in una situazione in cui persista il pericolo. Inoltre deve segnalare al datore di lavoro o al dirigente i problemi e le condizioni di pericolo. Il preposto deve ricevere specifica formazione.


Ho aperto un’impresa, quali sono i PRINCIPALI OBBLIGHI in materia di sicurezza sul lavoro?

Category : FAQ

DOMANDA: Ho aperto un’impresa, quali sono i PRINCIPALI OBBLIGHI in materia di sicurezza sul lavoro?

RISPOSTA: Al momento dell’inizio attività di tutte le società o ditte con lavoratori, è obbligatorio entro 90 gg dall’inizio attività o dall’assunzione di personale:

1. nominare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP); per le aziende artigiane e industriali fino a 30 addetti il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti dell’RSPP ma deve frequentare un corso di formazione di 16, 32 o 48 ore a seconda della categoria di rischio in cui rientra l’attività dell’impresa.

2. nominare gli addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze e fargli frequentare il corso obbligatorio di 4, 8 o 16 ore a seconda del classificazione del rischio di incendio dell’attività [D.M. 16/3/98].

3. nominare gli addetti al primo soccorso aziendale e fargli frequentare il corso obbligatorio di 12 o 16 ore a seconda del rischio infortunistico dell’attività [D.M. 388/03].

4. effettuare la valutazione di rischi in azienda.

5. formare e informare il personale dipendente sui rischi connessi all’attività lavorativa, sulle procedure di emergenza e sui responsabili della sicurezza.

6. nominare il medico competente se l’attività rientra nell’obbligo di sorveglianza sanitaria


Cos’è il DUVRI?

Category : FAQ

DOMANDA: Cos’è il DUVRI?

RISPOSTA: Il DUVRI è il Documento Unico di Valutazione del Rischio Interferenziale. Quando un datore di lavoro commissiona ad un altro datore di lavoro attività nella propria azienda, deve allegare al contratto un documento del rischio che valuti i rischi interferenziali. Tale documento è detto “unico” perché deve comprendere i rischi interferenziali provocati da tutte le attività lavorative che si svolgono in azienda da chiunque esse siano esercitate. Il DUVRI non è obbligatorio per servizi di natura intellettuale, per mere forniture di materiali o attrezzature, per lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai due giorni, sempre che essi non comportino rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari come cadute dall’alto, elettrocuzione elencati nell’allegato XI dell’unico testo.


Rischio stress-lavoro correlato

Category : Pubblicazioni

Rischio stress-lavoro correlato

Premessa

Il D.Lgs. 81/08 del 9 aprile 2008 all’art. 28 stabilisce l’obbligo della valutazione di tutti i rischi, compresi i rischi particolari ”tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato” secondo i contenuti dell’accordo europeo dell’8 ottobre 2004. Data la natura soggettiva dei fattori psicosociali che influenzano lo stress per la valutazione del rischio stress lavoro-correlato è necessario ricorrere a concetti e metodologie specifici della ricerca psicosociale; quest’ultima propone metodi qualitatitivi e quantitativi. È stato utilizzato un metodo di valutazione del rischio stress lavoro–correlato usando un approccio di tipo quantitativo ovvero lo strumento fondamentale di analisi è stata la somministrazione di un questionario e dall’analisi oggettiva delle risposte si è arrivati ad una valutazione “quantitativa” del rischio.

“Read More”


Rilevazione dei rischi

Category : Pubblicazioni

Rilevazione dei rischi

Nelle disciplina introdotta dal D.Lgs. 81/08, la valutazione del rischio va intesa come l’insieme di tutte quelle operazioni, conoscitive ed operative, che devono essere attuate per addivenire ad una “Stima” del Rischio di esposizione ai fattori di pericolo per la sicurezza e la salute del personale, in relazione allo svolgimento delle lavorazioni.

“Read More”


VALUTAZIONE DEI RISCHI

Category : Pubblicazioni

VALUTAZIONE DEI RISCHI

Indice

  1. Il quadro normativo
  2. L’obbligo di effettuare la valutazione del rischio e di redigere il piano di sicurezza
  3. Termine per l’adempimento
  4. Aziende familiari e fino a 10 addetti
  5. Sanzioni

“Read More”


Sicurezza ed Ergonomia

Category : Pubblicazioni

Sicurezza ed Ergonomia

Premessa

I contenuti che sono qui riportati sono quelli di fornire le principali nozioni in relazione alle problematiche della sicurezza e dell’ergonomia. Poi passeremo ai fattori ambientali primo fra tutti quello relativo all’ambiente luminoso. Questo perché la maggior parte della informazioni sul posto di lavoro e non, ormai arrivano soltanto attraverso il sistema visivo.

“Read More”


IL PROTESTO ILLEGITTIMO E LA RISARCIBILITA’ DEL DANNO di Dalila Loiacono

Category : Pubblicazioni

Il Tribunale di Napoli (Sezione distaccata di Marano – Sentenza del 06.04.2007) ha stabilito che in caso di protesto illegittimo sussiste la responsabilità solidale tra il Notaio e l’Istituto di Credito.

“Read More”


Il Sistema di Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro

di Camillo Bernardini e Dalila Loiacono

L’entrata in vigore del nuovo T.U. della Sicurezza ha rappresentato un’importante occasione per migliorare sensibilmente la salute dei lavoratori sul posto di lavoro e, per favorire a livello sociale, la diffusione di una cultura organizzativa orientata alla sicurezza al fine di prevenire eventi lesivi alle persone impegnate in un’attività lavorativa.

Jandi Sapi:Jandi Sapi – EAN:9788871420608 – ISBN:8871420608

F.TO: 17X24 – BROSSURA

PREZZO DI PREPUBBLICAZIONE: € 118,00 (iva e spese di spedizione postale incluse)

NON più disponibile


Il Dirigente e il Preposto

L’organizzazione in azienda: disamina del Testo Unico di Camillo Bernardini e Dalila Loiacono

Il Testo Unico D.Lgs. 81-08 ha letteralmente rivoluzionato il mondo della salute e sicurezza sul mondo del lavoro, e attraverso la sua ramificata struttura sta consolidando una vera cultura della sicurezza aziendale, pur nella sua complessità.

“Read More”


Documento unico valutazioni rischi

Category : NEWS

Per migliorare la sicurezza sul lavoro è previsto il documento unico di valutazione dei rischi, secondo quanto stabilito dal D. Lgs. 81/08. In esso devono essere riportati i vari tipi di rischi che possono verificarsi durante le ore lavorative nelle zone di produzione.

“Read More”


DUVRI – Documento per la Valutazione dei Rischi da Interferenze

Category : NEWS

DUVRI è l’acronimo di Documento per la Valutazione dei Rischi da Interferenze e viene redatto dal datore di lavoro o comunque dal responsabile dell’area produttiva o lavorativa in cui entrano in opera lavoratori esterni.

DUVRI: tipologie

Sono molte le tipologie di interferenze che possono verificarsi in una zona di lavoro o produzione. Esiste quindi unduvri per i cantieri edili, in cui è frequente che ditte appaltatrici affidino incarichi ad altre ditte o che vi siano servizi di fornitura di materiali o altri tipi di merce, o anche manutenzione di impianti, macchinari e strumenti.

Il Duvri viene redatto anche per le scuole. In una scuola, oltre alla presenza di dipendenti diretti dell’istituto, come insegnanti e personale di supporto, può intervenire altro personale, come per esempio gli operai di una ditta di ristrutturazione.

In qualsiasi ufficio, pubblico e privato, ci sono servizi esterni per la pulizia degli ambienti, dovrà quindi essere preparato un duvri per il servizio di pulizia, poiché in queste aree lavorative è previsto un rischio interferenziale, entrano in gioco cioè operai esterni, le cui mansioni sono soggette a rischio per la salute.

C’è da considerare anche un duvri per i condomini. Anche se un condominio non è un’azienda, prevede comunque l’assunzione o la collaborazione di una figura addetta al portierato e la presenza nello stabile di un certo numero di inquilini. C’è quindi un rischio di interferenza, poiché in un condominio possono operare lavoratori di una ditta di manutenzione degli ascensori, per esempio, o anche di una ditta edile chiamata per la ristrutturazione o la riparazione di un’area.

Il duvri, quindi, è un documento sulla sicurezza, inerente al d. lgs. 81/08 che stabilisce per ogni azienda o ditta di adottare le dovute misure di prevenzione e protezione da danni per la salute dei lavoratori


Valutazione dei rischi sul lavoro

Category : NEWS

La valutazione dei rischi sul lavoro è un obbligo previsto dal d. lgs. 81 08 e compete al datore di lavoro, che dovrà affidarsi a personale esperto per poter garantire a ogni suo dipendente all’interno dell’area di produzione la sicurezza dell’ambiente di lavoro.

“Read More”

Misurazione Campi Elettromagnetici

Category : NEWS

La misurazione dei campi elettromagnetici è un’operazione che serve a misurare il livello delle onde elettromagnetiche e certifica con apposite relazioni le valutazioni effettuate, con le indicazioni di possibili interventi futuri per migliorare la situazione al fine di diminuire i campi elettromagnetici presenti.

“Read More”

INTERPELLO N. 13/2013

INTERPELLO N. 13/2013

Lavoro a domicilio

Oggetto: art. 12, D.Lgs. n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni – risposta al quesito sull’obbligo di formazione, informazione ed addestramento per i lavoratori a domicilio.

“Read More”

INTERPELLO N. 14/2013

INTERPELLO N. 14/2013

Limiti di utilizzo delle procedure standardizzate

Oggetto: art. 12, D.Lgs. n. 81/2008 e successive modifiche ed integrazioni – risposta al quesito relativo all’utilizzo o meno delle procedure standardizzate per la valutazione dei rischi.

“Read More”

Circolare n. 33/2009

Category : Circolari

Circolare n. 33/2009

Oggetto: provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale di cui all’art. 14 del D.Lgs. n. 81/2008 – modifiche apportate dall’art. 11 del D.Lgs. n. 106/2009.

“Read More”

Circolare n. 30/2009

Category : Circolari

Circolare n. 30/2009

Oggetto: applicazione delle disposizioni dell’articolo 90, comma 11, decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modifiche e integrazioni.

“Read More”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: